Esclusa quella odierna, le ultime giornate vissute in pianura sono risultate piuttosto piatte dal punto di vista meteorologico, contraddistinte da nuvolosità variabile e qualche sporadico debole episodio precipitativo. Diveramente, le aree alpine della provincia hanno vissuto un discreto dinamismo, contraddistinto da una serie di afflussi d'aria fredda da nord, che hanno portato a frequenti episodi nevosi. Nel weekend assisteremo all'ennesima irruzione fredda con sfondamento di questa stagione. Porterà deboli nevicate nella notte tra sabato e domenica su gran parte della valle Camonica, qualche fiocco portanto dal vento anche in alta valle Trompia ed alta valle Sabbia.

Spunta il sole dopo gli abbondati rovesci che nelle ultime ore hanno portato molta pioggia in provincia. Grazie alle correnti umide e temperature che hanno soffiato sulla nostra penisola tra domenica e lunedì, la quota neve si è confermata piuttosto alta, stimabile osservando le webcam intorno ai 1700-1900 metri. Nei prossimi giorni assisteremo ad un lento rientro delle temperature nella media. Un nuovo peggioramento potrebbe interessare la nostra provincia ad inizio della prossima settimana, in caso si concretizzasse risulterebbe nevoso anche sotto i 1000 metri.

Dopo la lunga fase fredda che ha contraddistinto la seconda decade del mese, l'alta pressione è tornata protagonista su tutta la penisola determinando giornate più stabili, soleggiate e miti. A dispetto dell'immaginario collettivo del "white Christmas", anche la giornata di Natale sarà prevalentemente soleggiata per la nostra provincia. Previste nebbie nelle ore notturne sulle zone pianeggianti, in possibile persistenza anche durante la giornata sulla bassa pianura.

Un aumento della nuvolosità in serata segnalerà però l'arrivo di una perturbazione nord-atlantica, che porterà pioggia e neve nei giorni successivi. Deboli precipitazioni sono attese nelle prime ore della notte di S.Stefano, con fiocchi oltre gli 800-1000 metri su Alpi e Prealpi.

Ci giungono in questi giorni diverse richieste di previsioni per il periodo natalizio. Come sempre vale la regola della probabilità: a 24 ore dall’evento solitamente è possibile fornire una previsione con una buona affidabilità, diciamo intorno al 90-95%. La percentuale cala con l’aumentare dei giorni, già al terzo siamo intorno al 70-80% e scende drasticamente nei successivi.

Se restiamo nell’ambito della settimana o decade si parla di tendenza ed è possibile individuare un andamento. Andare oltre non ha alcun senso. Per spiegarvelo e contestualizzarlo abbiamo deciso di pubblicare un grafico, che mostra le possibili linee di tendenza per i prossimi 15 giorni, elaborate da uno dei più famosi centro di calcolo al mondo nelle ultime 24 ore.

Mancano ormai poche ore alla prima nevicata stagionale per la pianura bresciana. Prevista neve dal primo pomeriggio di domani (domenica) su tutta la provincia, fenomeni più intensi dal tardo pomeriggio. Fenomeni in intensificazione dal tardo pomeriggio, con accumulo di qualche cm anche in pianura. Come annunciato in precedenza, è atteso un rialzo termico nel corso della serata, con trasformazione della neve in pioggia a partire dal basso bresciano orientale. L'aumento delle temperature in quota impedirà ai fiocchi di raggiungere la pianura, dove però saranno possibili pericolosi fenomeni di gelicidio (pioggia che ghiaccia al suolo) grazie alle temperature negative. Trasformazione della neve in pioggia nella prime ore della notte di lunedì, in tutte le località al di sotto dei 1600-1800 metri.



Possibili fenomeni di gelicidio fino all'alba in pianura e nelle valli. Abbondanti precipitazioni per tutta la giornata, copiose nevicate sull'arco alpino con accumuli ben oltre il metro a quote superiori i 1800-2000 metri.

Come annunciato nei giorni scorsi, la breve fase anticiclonica sta giungendo al termine. Domani infatti, un fronte proveniente dal nord-atlantico investirà la nostra penisola, innescando un corposo calo termico in quota. Nuvolosità in aumento nelle prossime ore, con qualche debole precipitazione possibile già dalla tarda serata di questa sera. Previsto cielo coperto domani in mattinata, con deboli fenomeni sui settori Alpini e Prealpini, nevosi oltre gli 800 metri. Deboli piogge sulla pianura orientale, più probabili al mattino, solo pioviggini su quella occidentale. Schiarite attese nel pomeriggio, cielo sereno in serata con venti dai quadranti occidentali.



Diversa invece la natura del peggioramento previsto per lunedì, che nella sua fase iniziale potrebbe portare la neve anche in pianura. Una massa d'aria più umida e decisamente più mite proveniente da ovest, raggiungerà le nostre regioni, dando vita ad abbondanti precipitazioni sul bresciano.

Dopo l'irruzione fredda di questo fine settimana, l'anticiclone tornerà ad interessare la nostra penisola garantendo giornate stabili e soleggiate. Le temperature aumenteranno durante il giorno, ma non mancheranno le gelate al mattino anche in pianura. Lo zero termico salirà di quota fino a raggiungere i 2000 metri circa mercoledì. Si tratterà comunque di una breve fase, perchè già per venerdì è previsto un nuovo afflusso di aria artica, che porterà ad una nuova flessione termica e probabilmente qualche precipitazione.



Avremo modo di trattare dettagliatamente nei prossimi giorni l'evoluzione per il prossimo weekend dell'Immacolata, quel che è certo è che l'inizio di questa stagione invernale è tutt'altro che noioso.